Le zone erogene: cosa sono?

zone erogeneAnalizziamo insieme cosa sono e dove sono le “famose” zone erogene in quanto credo che non sia chiaro a tutti viste le ultime mail ricevute dai nostri lettori!

Le zone erogene sono le parti del corpo che se accarezzate sfiorate mordicchiate e  leccate determinano sensazioni di piacere.

Sfugge alla definizione di zona erogena per eccellenza

IL CERVELLO

che non si puo’ ne toccare ne con le dita ne con la lingua ma da cui dipende strettamente ogni singolo aspetto del”erotismo.

Solo il cervello interpreta come ricchi di valore erotico i segnali che lo raggiungono e il desiderio che accende l’eccitazione.

Solo se al cervello piace un certo suono, un certo odore, un certo gesto il corpo gli fda eco aprendosi alle vari e possibilta offerte dal sesso

Come si dividono le ZONE EROGENE

Arcaiche:

Sono quelle zone lontane dai genitali ma comunque sensibilissime al tocco e cioe’

Nuca, orecchie bocca,schiena,piedi e pelle.

Secondarie:

sono più’ vicine ai genitali e sono seno glutei perineo .

Ultimi i Genitali che sono il fulcro dell’erotismo.

Come sollecitare le zone erogene

ogni zona puo’ essere fonte di sensazioni e piaceri molto molto fori da avvicinare all’ orgasmo a patto anche si solleciti in modo giusto.

Bisogna essere chiari nel dire che se si decide di sollecitare le zone erogene con la bocca magari mordicchiando lo si deve fare con estrema delicatezza le zone sono sensibili!

Il pene

Il pene va sollecitato con abilita’ in quanto un tocco maldestro potrebbe provocare difficoltà nell’erezione fino anche alla scomparsa della stessa

Trattarlo sempre con cura sopratutto nella parte del glande che e’ la piu’ sensibile

Il clitoride

il cento del piacere femminile e’ il clitoride, situato nel punto in cui si congiungono e grandi labbra e le piccole,

Esattamente come avviene con il pene in esso arrivano tutte le sensazioni erotiche che i cinque sensi raccolgono pero poi farle riunire insieme nell’ esplosione dell’orgasmo.

Il clitoride non dovrebbe essere sollecitato direttamente perche’ in questo caso c’e’ il rischio di suscitare fastidio o dolore

Per contro stimolarlo nel modo giusto anche mediante lo sfregamento che durante l’amplesso assicura un inteso orgasmo alla donna.

Il seno

E’ sensibilissima l tatto ed et’ talmente ricettivo nei confronti delle carezze che se stuzzicato con abilita’ puoi favorire la comparsa dell’ eccitazione e aiutare raggiungere rapidamente l’orgasmo.

la Vulva e il punto G

 La vulva che e’ la parte esterna dell’ apparato genitale femminile e’ estremamente sensibile al tocco covaginasi come lo sono la vagina e il perineo tra la sua imboccatura e l’ano.

C’e’ poi un altra zona erogena che può diventare sede  di grande piacere il famoso punto G.

So tratta di un minuiscolo organo  allo stadio embrioale ovvero che no a mai colpletato il suo svilupo e che anatomicamente corriosnde alla prsotata maschiel

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.